Assemblea generale

Avvicendamento alla presidenza dell'Ofible
Venerdì 26 marzo 2011, nella sede amministrativa a Locarno, si è svolta l’assemblea gene­ra­le ordinaria delle Officine idroelettriche di Blenio (Ofible) alla presenza degli azionisti, dell’onorevole Consigliera di Stato Laura Sadis e di numerosi ospiti. A dirigere la seduta per l’ultima volta il presidente Marco De Carli, che conclude con buoni risultati il suo mandato presso Ofible. All’ordine del giorno, oltre all’approvazione dei conti annuali, la nomina dei membri del Consiglio d’amministrazione.

Lasciano la società il presidente Marco De Carli e il vicepresidente Antonio Taormina dopo nove rispettivamente sei anni di presenza nel Consiglio d’amministrazione Ofible. Per il Cantone Ticino subentra Roberto Pronini, direttore AET, che assume allo stesso tempo la carica di presidente del Consiglio d’amministrazione. Per il gruppo Alpiq sarà Nicolas Rouge il nuovo membro del Consiglio d’amministrazione, mentre Jörg Aeberhard, pure del gruppo Alpiq, assumerà la carica di vicepresidente.

Produzione Ofible sopra la media pluriennale
Nell’anno 2008/09 le tre centrali di Biasca, Olivone e Luzzone hanno prodotto 1091 GWh, 27 % in più della media pluriennale. Molto preziose le tre centrali anche nell’ambito della fornitura di prestazioni di regolazione della rete, prestazioni che, con la liberalizzazione del mercato elettrico, sono diventate oggetto di libero commercio.

Il conto annuale dell’Ofible chiude l’esercizio con un fatturato di 41.0 milioni di franchi, in linea con il risultato dell’anno precedente. Per l’anno 2008 sono stati versati al Cantone Ticino canoni d’acqua per un importo di 11.0 milioni di franchi. In netto aumento del 17 % le imposte pagate dall’Ofible, che per l’anno 2008 comportano complessivamente 4.1 milioni di franchi. L’aumento è andato a beneficio delle casse cantonali con 2.5 milioni (1.9 milioni l’anno precedente), mentre per i comuni ticinesi e la confederazione gli importi percepiti sono rimasti invariati a 1.4 milioni rispettivamente 0.2 milioni di franchi.

Dopo il rinnovo della centrale Biasca negli scorsi anni, si è proceduto alla revisione generale della macchina Francis, alla sostituzione del trasformatore principale, dei cavi elettrici e dell’impianto di media tensione della centrale Luzzone. L’insieme degli interventi di manutenzione e rinnovo degli impianti ha comportato una spesa di 6.6 milioni di franchi.

Manutenzione e rinnovo degli impianti
Dopo i grandi lavori nella centrale di Biasca degli ultimi anni gli investimenti per il rinnovo degli impianti è stato più contenuto. Infatti per l’acquisto di un nuovo trasformatore e in particolare per la prima tappa del rinnovo della centrale del Luzzone sono stati spesi 4.9 milioni di franchi. Per la manutenzione e la sorveglianza degli impianti il costo ammonta a 8.4 milioni di franchi.

Con la liberalizzazione del mercato elettrico i costi Ofible esplodono
Continua ad aumentare il costo dell’energia elettrica a seguito di imposte o altre tasse prelevate dall’ente pubblico. Purtroppo questo trend non risparmia la forza idrica. Infatti anche per Ofible l’entrata in vigore della nuova Legge federale sull’approvvigionamento elettrico ha comportato un considerevole aumento dei costi dovuto sostanzialmente alla nuova tassa a carico delle centrali con un potenza installata superiore ai 50 MW. A causa di questa nuova tassa, una fattura di 7.2 milioni di franchi, i costi d’esercizio della società sono cresciuti in un solo anno del 25 %. In generale agli enti pubblici Ofible ha pagato lo scorso anno tra tasse, canoni d’acqua e imposte 21.7 milioni di franchi, pari al 44 % del fatturato della società, mentre ai soli enti ticinesi sono stati versati 14.3 milioni di franchi.
Gli azionisti, fra i quali il Cantone Ticino con una quota del 20 %, hanno beneficiato, come l’anno precedente, di un utile d’esercizio di 2.7 milioni di franchi.

Fondata la società di rete
In applicazione della nuova Legge federale sull’approvvigionamento elettrico Ofible ha costituito in data 16 febbraio 2009 la società Ofible Rete SA. Alla neo-costituita società è stata trasferita la proprietà delle linee ad alta tensione e delle sottostazioni finora di proprietà dell’Ofible. In una seconda fase, entro fine 2012, Ofible Rete SA dovrà essere ceduta a sua volta alla società di rete nazionale Swissgrid, che per legge avrà il monopolio del trasporto dell’energia elettrica ad alta tensione in Svizzera.

 

                         Dati e cifre 2008/09 Officine idroelettriche di Blenio SA (Ofible)

 

 

Ofible

  Variazione
anno prec.
Azionisti      
Cantone Ticino 20.0 %    
NOK 17.0 %    
Atel 17.0 %    
Cantone Basilea Città 12.0 %    
Città di Zurigo 17.0 %    
BKW 12.0 %    
Energie Wasser Bern 5.0 %    
       
Fatturato CHF 49.0 mio. +19.5 %
Produzione netta GWh 1091.5 +19.0 %
Costo netto di produzione per kWh cts. 4.33 -0.2 %
       
       
Manutenzione CHF 8.4mio. 0.0 %
       
Utile d'esercizio CHF 2.7 mio. 0.0 %
       
Investimenti CHF 3.2 mio. +10.3 %
       
Collaboratori 34.4   0.0 %