Assemblea generale

Venerdì 28 marzo 2008, nella sede amministrativa a Locarno, si è svolta l’assemblea gene­ra­le ordinaria dell’Ofible sotto la direzione del Presidente Ing. Marco De Carli, in presenza dei rappresentanti degli azionisti e di numerosi ospiti. All’ordine del giorno l’approvazione dei conti annuali.

Rendiconto

L’anno idrologico 2006/07 chiusosi il 30 settembre 2007 è cominciato decisamente male. Infatti nella notte fra il 3 e il 4 ottobre 2006 nella regione che si estende da Biasca fino in Valle Malvaglia si è scatenato un violento nubifragio. Piogge come quelle abbattutesi su Biasca in quell’occasione in sole poche ore si registrano, statistica alla mano, una volta ogni 100 anni. L’inventario dei danni causati nella sottostazione di Biasca, in Val Pontirone e al bacino di compenso di Malvaglia è impressionante. I costi di ripristino degli impianti ammontano a oltre 2 milioni di franchi, senza considerare la perdita di produzione dovuto all’arresto degli impianti Ofible per più giorni.  

Fortunatamente per il resto dell’anno la natura è stata più clemente. I pluviometri hanno registrato 1478 mm di precipitazioni, - 1.2 % rispetto alla media pluriennale. Questi afflussi hanno permesso di riempire il bacino del Luzzone a fine stagione nella misura del 95.7 %. I generatori dell’Ofible hanno prodotto 760.4 GWh, pari a ca. ¼ del consumo annuo ticinese.

Anche per quanto concerne i bilanci aziendali i risultati conseguiti sono soddisfacenti. Il fatturato è aumentato del 2.5 % a 41.2 milioni di franchi e l’esercizio si è chiuso con un utile di 2'680'000 franchi. Per l’anno 2007, parimenti all’anno precedente, sono stati versati al Cantone Ticino canoni d’acqua  per un importo di 11.1 milioni di franchi. L’Ofible versa inoltre imposte per un ammontare di 3.5 milioni di franchi, ripartiti per 1.9 milioni sulle imposte cantonali, per 1.4 milioni sulle imposte comunali e per 0.2 milioni sull’imposta federale diretta.

Con un utile d’esercizio di 2.7 milioni di franchi il dividendo per i suoi azionisti è rimasto invariato al  4.25 % sul capitale azionario di 60 milioni di franchi.

Il costo dell’elettricità prodotta nelle centrali dell’Ofible ammonta quest’anno 5.2 cts. al kilowattora, un prezzo concorrenziale soprattutto se si tiene conto del fatto che si tratta di energia di punta generata con la forza idrica, una fonte di energia rinnovabile e indigena.

Manutenzione e rinnovo degli impianti

Notevoli ancora una volta gli investimenti per il rinnovo degli impianti. Sono stati spesi 6.9 milioni di franchi in particolare per ultimare la grande opera di modernizzazione della centrale Biasca. Infatti con la messa in rete del terzo ed ultimo nuovo gruppo Pelton della potenza di 116 MW lo scorso agosto si è concluso dopo quattro anni di lavoro il più grande progetto di rinnovo nella storia della società. La nuova centrale è costata complessivamente 42.8 milioni di franchi, di cui 9 milioni spesi in Ticino.

Pur avendo, col progetto di Biasca fatto un grande passo in avanti, parecchi altri lavori di rinnovo ci attendono nei prossimi anni. Da uno studio interno risulta che per il mantenimento della sicurezza e della funzionalità degli impianti fino a fine concessione nel 2042 si dovranno investire ancora fra i 100 e i 200 milioni di franchi. Una somma considerevole che comunque, alla luce delle previsioni sull’evoluzione del consumo di elettricità nazionale e internazionale, ben impiegata per garantire la disponibilità delle nostre centrali. Infatti per assicurare un approvvigiona­mento elettrico della Svizzera sufficiente anche nei prossimi decenni non solo dovranno restare in funzione le attuali centrali elettriche, ma nuove dovranno essere costruite. Il dibattito circa le fonti energetiche più appropriate per generare elettricità in queste nuove centrali si è già scatenato. La forza idrica, di cui il Ticino dispone in larga misura, non solo è attualmente la fonte energetica principale del settore elettrico svizzero, ma è anche rinnovabile e soprattutto indigena, e va assolutamente preservata. Volere ridurre questa produzione ecocompatibile con nuove limitazioni di utilizzo delle acque come lo vorrebbe indirettamente anche l’iniziativa Acqua viva dell’associazione nazionale dei pescatori è insensato e, in ultima analisi, controproducente soprattutto per il nostro ambiente

 

 

                         Dati e cifre 2006/07 Officine idroelettriche di Blenio SA (Ofible)

 

 

Ofible

  Variazione
anno prec.
Azionisti      
Cantone Ticino 20.0 %    
NOK 17.0 %    
Cantone Basilea Città 12.0 %    
Atel 17.0 %    
Città di Zurigo 17.0 %    
BKW 12.0 %    
Energie Wasser Bern 5.0 %    
       
Fatturato CHF 41.2 mio. +2.5 %
Produzione netta GWh 760.4 +63.0 %
Costo netto di produzione per kWh cts. 5.2 -37.7 %
       
       
Manutenzione CHF 7.25 mio. +3.6 %
       
Utile d'esercizio CHF 2.7 mio. 0.0 %
       
Investimenti CHF 6.9 mio. +7.8 %
       
Collaboratori 34.4   +2.4 %